Categories: Uncategorized


9 Responses so far.


  1. Susanna L. says:

    Progetto terrificante!! Quei geni di progettisti non hanno calcolato bene le altezze!!! Ci tolgono oltre che la visuale anche l’aria. Inoltre…bello l’albergo di 9 piani esposto perennemente all’ombra e con vista sulle tombe del Cimitero Monumentale.

  2. roberto says:

    @SImone, non importa chi firma basta che prenda i topi ;-)
    A me personalmente questo coso sembra la versione postmoderna del Motel Agip di San Giuliano. Milano non ha bisogno di residenziale, ma di servizi, tanto verde e unità produttive piccole-ma-buone. Cosa gli dice la testa, ai nostri amministratori, io non lo capisco.

  3. roberto says:

    Si può contestualizzarlo anche mentalmente se si conosce la zona, e ne esce comunque come un banale progetto residenziale-speculativo, pure bruttarello, e nulla più. A me ricorda certi residence dell’hinterland, un postmondermismo che davvero c’entra niente con via Procaccini. Non so come gli è venuto in mente di approvare una cosa simile in un quartiere a vocazione storica come la zona Sarpi-Monumentale, forse vogliono accodarsi ai costruendi arnesi dell’Isola Garibaldi.

  4. Medo says:

    Dovreste contestualizzare un po’ di più visivamente la questione, altrimenti non si capisce bene cosa accadrà al paesaggio se si dovvessero realizzare le attuali volumetrie.
    Bisognerebbe che aggiungeste dei link o delle imaggini per localizzare bene il progetto su una mappa da una prospettiva aerea (google maps?). Questo per farsi bene l’idea di dove sarà collocato il progetto. Magari sarebbe bene anche aggiungere qualche immagine degli edifici circostanti.
    Da quel che ho capito io (se ho capito bene) l’edificio interno sarà alto quasi il doppio di quelli circostanti.
    saluti

  5. roberto says:

    Ma è orrendo!

  6. Simone Lomuoio says:

    Che firmi Mario Botta dopo quello che ha fatto a Sesto San Giovanni mi sembra ridicolo.

  7. Michael Angler says:

    ci deve essere un’inessattezza nei vari post.
    il progetto è attribuito unicamente al professore Perotta, mentre è anche dell’arch. Massimo Bodini. perotta risulta essere coprogettista e il coordinatore per i vari permessi.

    • Matteo says:

      Assolutamente inaccettabile che un professore del Politecnico di Milano, titolare di un laboratorio di composizione architettonica, come Perotta sia anche solo sostenitore di un’oscenità del genere… figuriamoci coprogettista…
      Assolutamente l’ennesimo sfregio per Milano insime alle tre torri dell’ex fiera!! Povera Milano, stava molto meglio sotto le bombe della seconda guerra!!

Leave a Reply to Matteo